Sono state rilasciate dal Ministero della Salute le linee guida ufficiali per la gestione della fase due per gli studi dentistici, quindi per la ripresa delle normali attività cliniche.

Vediamo quali sono le caratteristiche principali del documento.

Lo scopo delle linee guida è quello di indicare gli STANDARD MINIMI DI SICUREZZA, quindi una serie di norme di facile applicazione sotto le quali non bisogna assolutamente andare.

Uno strumento fondamentale di tutta la strategia di salvaguardia dello studio e del paziente è l’adozione del TRIAGE TELEFONICO, per accogliere nello studio solo i pazienti che superano la valutazione.

Il TRIAGE andrà ripetuto il giorno dell’appuntamento presso lo studio e solo in caso di adeguatezza ai requisiti si potrà accedere alle cure odontoiatriche.

Per accedere allo studio il paziente dovrà adeguarsi ad alcune NORME IGIENICHE (indossare mascherina chirurgica, rilevazione della temperatura, disinfezione delle mani, oggetti personali inseriti in sacca monouso).

In sala d’aspetto vigerà il DISTANZIAMENTO SOCIALE:  almeno un metro tra le sedute, no accompagnatori (solo per minori o disabili), ricambio d’aria tra un paziente e l’altro.

Tutti i pazienti andranno comunque trattati come potenzialmente infetti e quindi si dovrà fare un attento uso di DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE sia per il paziente che per il clinico.

Per scaricare il testo integrale delle Linee Guida clicca  QUI

Condividi questo contenuto